Conservazione della Città di Firenze - C. di S. P. a cura di Lorenzo Pagnini
| L.Serristori | G.Poggi | ATLANTE | Lettera ICOMOS | P. Scolari | Alle Rondini | Graffiti |
.... ENG - ITA
Cerca in Limen
 
Archivi
Architetture
Interviste
I nodi della città
Amidei
Buondelmonti
Alberto di Zanobi
Palazzi sec. XV - VI
Pitti
Cocchi Serristori
Ginori
Rosselli Del Turco
Del Cambio
Calimala
Conventi
 
Percorsi
Bibliografia
 
info@limen.org

'Taccuino'

 

Michelozzo di Bartolomeo al Monastero di S. Orsola

Marzo (FI) Il recupero del complesso di S. Orsola adiacente a S. Lorenzo ha consentito l'apertura di una finestra storiografica non di secondo piano, perchè porta alla luce la committenza medicea di Cosimo il Vecchio. Si tratta di un ipotesi attributiva aperta ma più che plausibile. L'intervento riguarda lo spazio noto come monastero delle Benedettine di Sant'Orsola (affiancate poi dalle Vallombrosane e dalle suore di Santa Maria Madre), trasferite nel 1435 nel monastero di Sant'Agata, con il contemporaneo passaggio degli ambienti alle Francescane (suore del terzo Ordine di San Francesco). Seguono numerosi altri interventi di riqualificazione del chiostro e degli ambienti adiacenti. Nella chiesa del monastero fu certamente sepola Lisa Gherardini del Giocondo probabile modella di Lenardo da Vinci.

'Teatro della parola' rigenerazione urbana

Gennaio (FI) Un brano del centro storico, dietro palazzo della Signoria, il vecchio teatro del Canto alla Quarconia. Il Teatro nazionale di via dei Cimatori, "una necrosi" la definisce Marco Casamonti, un edificio in stato di abbandono da più di 30 anni davanti alla loggia dei Cerchi. Ma l'idea della nuova destinazione d'uso non è dell'architetto fiorentino ma dell'assessore alla Cultura Tommaso Sacchi:(adesso alla giunta di Milano) "un ’teatro della parola’, cioè un luogo dove uno scienziato, un regista, un fotografo, un architetto, un designer, uno stilista possa venire a parlare, a raccontare la sua esperienza". La denominazione di Teatro Nazionale è ovviamente da datarsi agli anni di Firenze Capitale (1865-1871), periodo nel quale l'esercizio mantenne la propria attività. Dal 1926 il locale fu destinato esclusivamente a spettacoli cinematografici per essere chiuso nel 1985 '.

'Canto alle rondini' rilettura dell'isolato, il dopo Michelucci

Marzo (FI) Una nuova piazza con contestuale riorganizzazione degli spazi pubblici della zona di via Pietrapiana. Il luogo è lo spazio dell'ex Canto alle rondni lagato alla storica spezieria di Mattei Palmieri, poi riprogettata in stile tra il 1918-19 dall'architetto Adolfo Coppedè con improbabili stlemi vernacolari trecenteschi. L'edificio è uno dei tanti sorti nella zona successivamente all'operazione di 'risanamento' del quartiere attuata a partire dal 1936.Coppedè commissionò anche una "Madonna" racchiusa da una mandorla formata da uno stormo di rondini in volo, perduta durante l'alluvione del 1966. Nel 1936, nell'ambito del progetto di 'risanamento' del quartiere di Santa Croce, la farmacia fu trasferita nella sede attuale. L''arredo progettato dal Coppedè fu riadattato ai nuovi locali

Zibaldone
Firenze 'Museo della Città'

.

 

 

Palazzo Capponi delle Rovinate; il rilievo 3d. DIDA (dipartimento di architettura) dell'Università di Firenze ha dedicato un approndimento di Restauro per il palazzo attribuito anche a Lorenzo di Bicci insieme al ciclo di affreschi in Lucia de Magnoli. Disponibile il rilievo digitale anche del palazzo Capponi (delle Rovinate) in via de Bardi, dimora storica di pregio di attribuzione brunelleschiana. Il nuovo edificio di Niccolò da Uzzano, terminato certamente al 1426,"mostrava i segni di una nuova sensibilità architettonica": novità importanti erano presenti a partire dal primo episodio di regolarità e centralità della pianta con cortile a colonne ottagonali con capitelli a foglie d'acqua.

Basilewsky No al nuovo Resort per il palazzo 'neocinquecentista' di Olga Basilewsky: la regione Toscana aveva messo in vendita il complesso immobilare nel 2017 (attività e servizi pubblici) con la possibilità del cambio di destinazione d'uso. L'assessore all'urbanistica della Giunta Nardella: la pianificazione urbanistica spetta al comune" e che non ci sarà nessun cambio di detinazione d'uso. Alla nuova proprietà è stato comunicato che il Comune nel nuovo piano operativo limiterà le trasformazioni verso la destinazione d'uso 'turistico ricettiva,' tutte l trasformazioni sono bloccate e palazzo Vecchio ha già deciso lo stop verso nuovi cambi di destinazione d'uso.

Il nuovo hotel Majestic in piazza dell'Unità d'Italia. Restyling verde per il nuovo Hotel Majestic in piazza del'Unità d'Italia.Proviamo a spiegare perchè il contest per il nuovo hotel è sintomatico di un nuovo scenario progettuale dove non è immaginabile un rapporto senziente ed equilibrato con il passato e le preesistenze. Ormai le correnti si sono sgranate anche nella Città dei Fiori e la stessa morte prematura di Adolfo Natalini potrebbe aver segnato uno spartiacque didattico. Scorrendo tutti i progetti presentati si ha una visione chiara della complessità richiesta per realizzare un nuovo progetto di facciata in pieno centro storico, di fronte all'abside di S Maria Novella.

Cafaggiolo non più visitabile come castello mediceo. Il progetto di Cafaggiolo si presenta come caso giuridico di dubbia costituzionalità in riferimento anche alla sentenza n. 6873 della Cassazione (ristrutturazione di palazzo Tornabuoni) che ha riportato le trasformazioni edlizie all'interno di un 'ambito costituzionale. Il nuovo progetto (di iniziativa privata) prevede unità immobiliari anche all'interno dell'area di vincolo diretto, con reception, ristorante-bar, SPA-fitness, sale per eventi e riunioni.

- l i m e n i t a l i a - 2 0 2 1 - l i m e n - D I E S M N - p u

't u s c a n y - a r c h i t e c t u r a l - h i s t o r y - b u i

       
 

r e p e r t o r i o - C. H e r i t a g e - b u i l d i n g s ' - d a t a s h e e t s '

 

 
 
 

 

c o n s e r v a t i o n - p a r t n e r s
© 1999-2003 Limen E.T.S - Via F. Marucelli 9 - Firenze (FI) - Tutti i diritti riservati
Contattaci - Disclaimer - Pubblicità
Assessorato alla partecipazione democratica consumo critico e nuovi stili di vita del Comune di Firenze