Limen Italia - il portale del Terzo settore - beni culturali a cura di Lorenzo Pagnini
| P.Albizi (FI) | Domus M. | Quincunx | Palazzo Serristori | Palazzo Lenzi (Fi) |
.... ENG - ITA
Cerca in Limen

Archivi
Stages
Proponi stage
Parlano di noi
Sostieni
Vendita bb.cc.
Albizi
Selbourne Urb.
Archivio
Crowd funding
Civic C.F.
Progetti 2018
Archivio
Ultime recensioni
MATTEO SCOLARI
Caserta 2014
Fed. demaniale
Ed. Ambientale
PPercorsi Integrati
PParco Naz. Cilento
Percorsi 09
Multimedia
Video D. Bramante
Dvd S.Miniato
Michelangelo Boni
Percorsi 09
Quaderni Limen
Landscape (PI)
Fermignano (PU)
Taccuino romano
Percorsi 09
info@limen.org

'Taccuino'

Troppi 'pali' nel centro storico di Firenze

Giugno 2018 Firenze (FI) Pali in pieno Centro storico davanti alla stazione di S. Maria Novella e la Fortezza da Basso; sono le strutture definitive della tramvia linea 3 in fase di ultimazione. Un problemino non da poco per una città già ammonita nel 2015 anche dall'Unesco per le troppe problematiche relative al futuro della città. renziana. Cose note. Il Soprintendente Andrea Pessina va al nodo della questione pali che, dovevano far propendere per una alimentazione alternativa: forse da terra o a batteria. La tecnologia è disponibile da tempo e se n'era parlato esaustivamente gia ai tempi del passaggio in piazza S. Giovanni, di fronte al Battistero, bocciato per lo stesso problema.

Cortili 'Romani' della marca pontificia

Maggio 2018 Cagli, (PU)  Cortili privati, di scuola romana a pilastri quadrangolari nella marca pontificia. I palazzi cagliesi poco conosciuti e per gran parte da recuperare nel loro quadro identitario. "Rinascimento delle Marche. Territori, più che regione-stato, conviventi e belligeranti fra loro e il nemico esterno; rappresentativi, in piccola scala, di quella sorta di coacervo politico, religioso e culturale che fu l'Italia di quel secolo XV che giustamente è stato definito il "secolo d'oro", verso la massima espressione del Classicismo dei primi venti anni del Cinquecento. Su tutti la presenza diretta e neanche troppo fugace di Leon Battista Alberti: quindi le conseguenze di una tensione culturale, i suoi riflessi in quella espressione dell'Umanesimo 'antiquario' in molti dei centri di quello che era stato in antico il Picenum dei Romani (F. Canali).".

Che fine ha fatto il cortile di palazzo Spini Feroni?

Ottobre 2017 Firenze, (FI) Il Museo della città, di Salvatore Ferragamo, grande evento mediatico del 2015, cui Nardella (sindaco della città) ha dedicato ampio spazio, tuttavia non considera e non da nessun peso al cortile monumentale del palazzo storico che lo ospita. Il museo è ricco di sale e tecniche espositive all'interno degli ambienti della dimora che fu di Geri Spini. Fu acquistato da Ferragamo negli anni Trenta, divenne successivamente il brand dell'azienda. Nel costoso allestimento non v'è traccia di questo grande spazio identitario che caratterizzò il più grande palazzo fiorentino del sec XIV. Un progetto costoso e curato che porta con se questa grande e incompresibile lacuna.

Lo sbancamento di una collina non giova alla statica degli edifici

Settembre 2017 Bergamo, (RM) Un evidente errore urbanistico ha reso edificabile un sito incompatibile con le escavazioni. Il caso è su tutti i giornali di Bergamo e sta assillando la giunta di Giorgio Gori da anni. L'area in oggetto è caratterizata da un litotopo arenaceo conosciuto agli addetti ai lavori come 'flisch' e non può essere destinato ad area edificabile per un parcheggio interrato sopratutto se a monte si trova una forte antropizzazione come il complesso della Rocca e il Museo del risorgimento. Le problematiche di natura geologica erano ampiamente annunciate sopratutto agli specialisti del settore, ma si è deciso comunque di procedere con i lavori e anche di riprendere il cantiere dopo una importante frana che ha fermato il cantiere dal 2008.

Eppure il Cortile (michelozziano) c'è ma è una mediateca

Gennaio 2016 Firenze, (FI) palazzo Lenzi-Quaratesi, detto anche "degli Enigmi" in piazza Ognissanti è sede dell''Istituto di lingua francese, ma l'edificio che lo ospita è storicamente un importante episodio della dimora mercantile fiorentina del Quattrocento con varie attribuzioni che riportano anche il nome di Filippo Brunelleschi. La sede affaccia su un angolo della piazza e ha una pianta molto ricercata con un Cortile monumentale di grande rilievo sebbene la fronte esterna presenti ancora degli sporti su strada. Ebbene, il cortile rinascimantale è stato completamente disatteso dai progetti di riuso (attuale mediateca) e non compare in nessuna pubblicazione dei palazzi storici fiorentini. Tantomeno è stato mai musealizzato come tale.

 

.

Limen è una società senza fine di lucro, un network di professionisti che lavorano con soggetti strategici della rete per sviluppare governance sui territori e collegare gli strumenti del Terzo settore con il serbatoio universitario. L'attività di progettazione è finalizzata nel rappresentare un interlocutore critico su scala territoriale, capace di sviluppare progettazione innovativa. La mission: costruire e pianificare azioni di cittadinanza attiva, documentazione e ricerca sul patrimonio storico-architettonico e sul Paesaggio. Lines principali:

•Tutela del patrimonio •Progettazione architettonica •Multimedia.

Info

D a t a

Bologna

Sito del mese

A cura di INSR-Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento-Firenze Signum-Centro di ricerche informatiche per le discipline umanistiche-Pisa. Con un finanziamento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. | Archivio |

Parlano di noi
 
Service that provides information and collaboration, for all NYU students - 21.09
The Bavarian State Library, (BSB) as one of the largest research libraries in Europe administers in cooperation with the Leibniz Supercomputing Centre a digital long-term archive.
Universität Potsdam - In einer einzigartigen Wissenschaftslandschaft liegt die 1991 gegründete akademischen Einrichtungen.
Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le province di Venezia e laguna - Magazine online.
Artmedia Editori - Nuova casa editrice con sede a Firenze, per video-documentari in DVD. Rassegna stampa DVD Uffizi.
CulturaItalia
CulturaItalia è una rete collaborativa di istituzioni pubbliche e private. Coinvolge vari attori della produzione culturale italiana.
La Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le province di Firenze, Pistoia e Prato - Link.
Lotto Cultura, il Lotto per il patrimonio culturale italiano: il mondo del restauro e dei beni culturali in rete - Link
Artmedia Editori - Nuova casa editrice con sede a Firenze, per video-documentari in DVD. Rassegna stampa DVD Uffizi.
La Casa editrice fondata nel 1970 a Firenze - La redazione segnala - Newsletter
Il Centro Altiero Spinelli, presso l’ Università degli Studi Roma Tre - links bb.cc.
Rivista di Estimo rivolta ai professionisti, ai tecnici della Pubblica Amministrazione, al mondo accademico e scientifico di settore.

|Torna all'inizio | Archivio |

"Architettura delle città", uno spazio dedicato all'analisi della visibilità del patrimonio storico: un archivio aperto sulle condizioni dei beni culturali culturali realizzato con lo strumento del Circoli di Studio, laboratori di ricerca fatti da architetti, studiosi, cittadini e amministratori. Documentare i 'beni culturali' con la cura di leggerne lo stato di conservazione e visibilità attraverso il web. Il percorso nasce come istanza di cittadinanza attiva all'interno del Terzo Settore.

Torrione di Cagli, restauro e ripristino del fossato: cedimento del Fossato ricostruito secondo la tecnica martiniana. Torre militare sopravvissuta della fortezza di Francesco di Giorgio Martini (Rocca di Cagli), parzialmente distrutta durante l'assedio del Valentino del 1502. Si tratta di un gioiello del piano di difesa voluto da Federico da Montefeltro per il ducato di Urbino, il Torrione dopo vent'anni dall'ultimi inteeventi di restauro, appare invecchiato e annerito e con visibili presenze di vegetazione infestante nella muratura esterna. Il grande 'ovale'del 'torrione del soccorso' collegato con la rocca alta (colle dei Cappuccini) mediante un corridore sotterraneo (soccorso coverto), ha subito il cedimento della palizzata in legno di contenimento del fossato. Il terreno, probabilmente per le infiltrazioni d'acqua e le abbondanti precipitazioni, ha perso di consistenza e ha ceduto, producendo il conseguente collasso dell'assito di legno e della palizzata lungo tutto il perimetro. Iniziati subito i lavori di messa in sicurezza e ricostruzione dell'intero emiciclo con la messa in opera di putrelle in ferro e lamiera grecata per il .

Erkelarungen sul museo dei palazzi fiorentini. La grande officina dei cortili fiorentini: in un altro paese d'Europa farebbe parte di un grande progetto di 'museo diffuso', mentre la città dei fiori non ha ancora avviato un programma di musealizzazione. Si tratta di spazi monumentali di grande valore storico culturale. Per il capoluogo toscano il tema presenta delle caratteristiche di unicità ed eccellenza, cosi come le città toscane erano uniche nello scenario europeo alto medievale. La repubblica di Firenze avviò un programma coordinato di di 'bellezza urbana', con il grande certame dei cantieri privati delle borghesia mercantile. Da quei capitali originarono i più ricercati palazzi privati dell'Europa occidentale. La scuola fiorentina realizzò le forme e soluzioni più aggiornate dell'architettura di allora. In questo terreno scaturirono la genialità delle opere giovanili brunelleschiane che nei primi del '400 regalarono per la prima volta regolarità e geometria ad un cortile privato (fratelli Busini).

15 anni di privatizzazioni dei bb.cc. italiani. Dopo la presentazione Maggio 2011 Stanford (USA) Roland Benedikter della Stanford University intervista Salvatore Settis, Scuola Normale Superiore di Pisa: "la dimensione reale del processo di privatizzazione del patrimonio culturale non è visibile per il pubblico e la comunità internazionale". dopo quindici anni di privatizzazione del patrimonio culturale e architettonico italiano tra il 1996 e il 2010, stiamo ancora lottando per proseguire la nostra strada verso una valutazione dei risultati, carenze, sfondi e prospettive. Un working paper pubblicato sul sito della Standford University con un intervista esclusiva a Salvatore Settis direttore della Scuola Normale di Pisa. Un bilancio che parte dagli anni '90 con il centro-sinistra e compendia le scelte del governi italiani negli ultimi 15 anni con lo smantellamento dei beni demaniali fino a ipotizzare lo scenario del futuro e del nuovo millennio.

Il Comune di Firenze mette sul mercato edifici di valore storico (Maggio 2012). Una lista consistente di dismissioni annunciate da tempo quella del Comune di Firenze ad opera delle Giunta Renzi. Nonostante le perplessità degli osservatori, degli studiosi, e le dichiarate contraddizioni culturali di questa importante operazione immobiliare, finalizzata esclusivamente a ricavare liquidità per le casse del Comune (120 milioni di euro ca.), la giunta Renzi ha ufficializzato la lista delle dismissioni comprendendo tutti gli edifici di pregio storico architettonico, nessuno escluso. Perchè non è ancora possibile da parte degli enti pubblici distinguere nelle dismissioni gli edifici vincolati da quelli di valore immobiliare ? Esistono garanzie di tutela per le trasformazioni edilizie che farà il privato ? Perchè non è ancora possibile da parte degli enti pubblici distinguere nelle dismissioni gli edifici vincolati da quelli di valore immobiliare ? La Cassa Depositi e Presiti, è in grado di dare garanzie per il futuro dell'immobile ?

l i m e n i t a l i a - 2 0 1 6 - l i m e n - l i m e n i t a l i a - 2 0 1 6 - l i m e n - D I E S M N - p u
r e p e r t o r i o - n o t e b o o k s' - d a t a s h e e t s '
         
     
         
r e p e r t o r i o - n o t e b o o k s' - d a t a s h e e t s '
         

 

 

c o n s e r v a t i o n - p a r t n e r s
© 1999-2003 Limen A.P.S - Via F. Marucelli 9 - Firenze (FI) - Tutti i diritti riservati
Contattaci - Disclaimer - Pubblicitą
Assessorato alla partecipazione democratica consumo critico e nuovi stili di vita del Comune di Firenze