Cons. Villa Tolomei - S. Tuccio - Venturini - Firenze - Marignolle a cura di Lorenzo Pagnini
| pag 1 | pag 2 | Il portico | Foto esterno | Gli interni | La "casa da Signore" |

 

Cerca in Limen

Carte del restauro
Nuovo Codice BB.CC.
Legislazione
Visibilità
 
Collina bellosguardo
Scheda Storica
Bellosguardo
"Casa da signore"
Il Quattrocento
 
Rubriche
 

Il caso

Una dimora storica, sulle colline di Firenze in mano ai privati con il nuovo sistema della "Concessione di valorizzazione"

"Il Santuccio a Marignolle è l’antico nome del nucleo che si ritrova come toponimo nelle cartografia d’epoca e nelle planimetrie catastali tuttora. Dell’antico Santuccio o San Tuccio oggi non conosciamo l’immagine, la sistemazione attuale della Villa risale al Settecento. Tuttavia alcune tracce potrebbero indicare la porzione della villa senza sotterraneo come nucleo più antico, con murature risalenti ad epoca cinquecentesca, come appare inscritto su uno stemma in pietra datato MDXXI. Insieme al Santuccio compare il Conventino, come ricorda anche il Lensi Orlandi, un edificio in parte colonico, (B) con una parte a torre, le cui origini non sono certe. La presenza del portico rinascimentale e dell’ambiente con il grande camino e l’acquaio in pietra darebbe fondamento al toponimo “il Conventino” con il quale viene descritto l’edificio."

Proprietà demaniale

E'infatti più volte citata la notizia di un “un acquaio ed un camino in pietra dell’antico refettorio monastico cinquecentesco” 1 (Carocci, 1907). Nella zona erano presenti all’epoca anche altre sedi monastiche, che furono soppresse dalla Signoria di Firenze2. Il nucleo a torre, il più antico, descritto anche come “Casa da signore”, presenta particolari architettonici di pregio considerevole. Da materiale storico proveniente da varie fonti sono state reperite informazioni relative ai diversi proprietari che si sono succeduti nel complesso. La tabella riportata di seguito riassume alcuni dei principali passaggi di proprietà e delle tappe che documentano la storia del complesso. Dall’epoca del passaggio alla proprietà pubblica, avvenuto nel 1961, si sono prospettate per la proprietà molte e differenti utilizzazioni, dall’iniziale Sede dell’Università Europea, a Centro Studi dell’Università, ad Archivio della Comunità Economica Europea. E ancora da sede di accasermamento per i Carabinieri, a sede per le attività didattiche dell’Istituto superiore per le Industrie Artistiche di Firenze, insieme ad altre proposte. Nella tabella che segue se ne delinea una sintesi non sicuramente esaustiva di tutti i vari passaggi ed i numerosissimi documenti.

Proprietà

Il complesso del Santuccio appartenne alla famiglia dei Bonciani probabilmente sin dal Trecento al 1534, a Lorenzo Monaco, a Gentile da Fabriano - Il 26 agosto 1534 riceve il Podere in usufrutto dal padre Carlo Bonciani - Il 19 agosto 1611 morte Contessa Bonciani, la proprietà passa al marito Gherardo Masi “un podere con casa da signore e da lavoratore a Bellosguardo popolo si S. Sepolcro (…)pervenuti per morte di M.Contessa fu di Carlo Neri Bonciani”Alla morte di Gherardo Masi nel 1615 la proprietà passa ai nipoti Gherardo e Fiammetta Di Ilarione Brandolini.

Ville storiche sec. XV
Villa Tolomei

Fig. 1- Villa Tolomei Firenze. Planimetria del complesso colonico di cui fa parte attualmente la villa. Carta tecnica 1:2000. Sono sette i nuclei denominati nella carta con il toponimo "Villa Venturini". Spiccano in particolare i due edifici storici del XIV. Un complesso immobiliare di notevole interesse storico e paesaggistico.

Fig. 2 - Villa Tolomei Firenze. Carta catastale. Il Santuccio a Marignolle è l’antico nome del sito che figura come toponimo nella cartografia d’epoca e nella planimetria catastale. Dell’antico Santuccio o San Tuccio oggi non conosciamo l'impianto originario, la sistemazione attuale della Villa risale al Settecento.

Fig. 3 - Villa Tolomei Firenze. Veduta complessiva del complesso colonico con i vari nuclei aggiunti all'impianto quattrocentesco. Il nucleo a torre, il più antico, descritto anche come “Casa da signore”, presenta particolari architettonici di pregio considerevole.

Fig. 4 - Villa Tolomei Firenze. Planimetria del nucleo quattrocentesco del palazzo (lettera B). La presenza del portico rinascimentale e dell’ambiente con il grande camino e l’acquaio in pietra darebbe fondamento al toponimo “il Conventino” con il quale viene descritto l’edificio. E’ infatti più volte citata la notizia di un “un acquaio ed un camino in pietra dell’antico refettorio monastico cinquecentesco” 1 (Carocci, 1907).

Fig. 5 - Villa Tolomei Firenze. Veduta del nucleo A. Questo edificio al centro del complesso corrisponde al vecchio nucleo a torre, il più antico, descritto anche come “Casa da signore”, presenta particolari architettonici di pregio considerevole.

Archivio

Affittata Villa Tolomei, diventera' un albergo di lusso, il business della nuova ristrutturazione

"Villa Tolomei, il complesso artistico dello Stato nelle vicinanze di Firenze, va in affitto ai privati per 50 anni e diventera' un albergo di lusso. Il raggruppamento di imprese Isotel Sarl-Exen Spa-So.Ge.A srl si e' infatti aggiudicato, secondo quanto reso noto dal Demanio, la gara pubblica, con un'offerta di canone annuo pari a 150mila euro (il doppio di quanto previsto a base d'asta). Il progetto di valorizzazione prevede la ristrutturazione funzionale dell'intero complesso come residenza turistico-ricettiva di alto livello e dotata di tutti i servizi complementari: 40 camere-suites, ristorante, centro benessere, ampi spazi di accoglienza e attesa per gli ospiti e spazi esterni attrezzati. Situata sulle colline di Marignolle, in prossimita' di Firenze, Villa Tolomei e' costituita da sette differenti edifici, che complessivamente occupano 3.500 metri quadrati di superficie, circondati da 17 ettari di parco. La sua aggiudicazione rappresenta un tassello fondamentale per 'Valore Paese', il progetto di valorizzazione degli immobili statali," (Ansa)

Ristrutturazione

Il progetto di valorizzazione prevede la ristrutturazione funzionale dell'intero complesso come residenza turistico-ricettiva di alto livello e dotata di tutti i servizi complementari: 40 camere-suites, ristorante, centro benessere, ampi spazi di accoglienza e attesa per gli ospiti e spazi esterni attrezzati. Situata sulle colline di Marignolle, in prossimita' di Firenze, Villa Tolomei e' costituita da sette differenti edifici, che complessivamente occupano 3.500 metri quadrati di superficie, circondati da 17 ettari di parco. La sua aggiudicazione rappresenta un tassello fondamentale per 'Valore Paese', il progetto di valorizzazione degli immobili statali, che si propone di recuperare e riutilizzare in modo produttivo il patrimonio pubblico, favorendo lo sviluppo del territorio e la crescita economica.

Compatibilità

Villa Tolomei è un complesso immobiliare di notevole interesse storico e paesaggistico, sottoposto a vincolo storico-artistico. Situato sulle colline di Marignolle, in prossimità di Firenze, è costituito da sette differenti edifici. Dall’epoca del passaggio alla proprietà pubblica, avvenuto nel 1961, si sono prospettate per la proprietà molte e differenti utilizzazioni, dall’iniziale Sede dell’Università Europea, a Centro Studi dell’Università, ad Archivio della CEE e ancora da sede di accasermamento per i Carabinieri, a sede per le attività didattiche dell’Istituto superiore per le Industrie Artistiche di Firenze, insieme ad altre proposte. Nella tabella che segue se ne delinea una sintesi non sicuramente esaustiva di tutti i vari passaggi ed i numerosissimi documenti, ma comunque di orientamento, per manifestare come la storia articolata del complesso necessiti effettivamente di trovare una sua definizione con una utilizzazione consona e rispettosa della storia, degli edifici e del paesaggio.

l i m e n i t a l i a - 2 0 1 6 - l i m e n - l i m e n i t a l i a - 2 0 1 6 - l i m e n - D I E S M N - p u
r e p e r t o r i o - n o t e b o o k s' - d a t a s h e e t s '
         
3
4
5 1 2
© 1999-2003 Limen A.P.S - via F. Marucelli 9 Firenze (FI) - Tutti i diritti riservati
Contattaci - Disclaimer - Pubblicità