Conservazione della Città di Firenze - C. di S. P. a cura di Lorenzo Pagnini
| P. Albizi | P. Serristori | Villa Rusciano | Costa S. Giorgio | Palazzo Lenzi | Palazzo Scala |
.... ENG - ITA

 

Facebook Limen Beni Culturali
Castelfranco Città Nuova (PI)
Un monumento nazionale non è un condominio..
Cerca in Limen

Archivi
Architetture
Interviste
I nodi della città
Amidei
Buondelmonti
Amieri
Buonaguisi
Matteo Scolari
Alberto di Zanobi
Palazzi sec. XV - 2
Antinori
Pitti
Cocchi Serristori
Palazzi sec. XVI
Ginori
Taddei
Guadagni
Rosselli Del Turco
Del Cambio
Calimala
Della Seta
Fortificazioni
Ospedali
Cappella Gentilizia
Assi urbani
Logge
Spazi urbani
Careggi
Rubriche
Avelli
Piazze
Edicole
"La poggiana"
 
Percorsi
Bibliografia
 
Progettazione
Multimedia

Mission

 

'Taccuino'

Angiolo Mazzoni, rischio demolizione per la Centrale termica

Gennaio Il progetto Alta Velocità arriva a Firenze con la nuova stazione dell'Arch. Norman Foster nell'area degli ex Macelli. 1 miliardo e 700 milioni di costo per la faraonica opera di sotto escavazione che realizzerà la nuova stazione dei treni con binari completamente indipendenti dalla stazione centrale di S. M. Novella. Tra i monumenti a rischio il capolavoro di Angiolo mazzoni. Per realizzare una “fermata intermedia” del collegamento tra le stazioni, è stata decisa anche la demolizione dell'edificio costruito dal noto 'ingegnere architetto ferroviario negli anni ’30. L’opera del Mazzoni rimane pionieristica e unica nel suo genere e l'edificio della centrale termica un importante edificio del 'razionalismo' fiorentino'. La demolizione nonostante il complesso sia stato vincolato secondo il Codice dei Beni Culturali.

Il 'Canto' e la Loggia dei Medici, l'incompiuta di Renzi

Settembre Tanto rumore per nulla. La grande rivoluzione 'renziana' del centro storico che ha portato al completamento della maggior parte delle isole pedonali nel cuore della Vecchia Città dei Fiori, da Via Tornabuoni, alla centralissima Via Cavour, ex tangenziale anni '90 del quartiere mediceo, è rimasta di fatto a metà dell'opera. La lastricatura dell'intera via Martelli ad opera del Comune ha riqualificato gran parte del tratto che va dal Battistero all'asse di via Gori e de' Pucci. Ma il centro della zona rinascimentale medicea è rimasta di fatto un incompiuta. La facciata di palazzo Medici e tutta l'area antistante la monumentale dimora di Cosimo il Vecchio è rimasta nelle stesse condizioni di prima: l'asfaltatura, la pendenza della vecchia carreggiata, lo storico semaforo veicolare davanti al Portale centrale, le telecamere di sorveglianza piazzate strategicamente nelle piccole finestre del 'palazzo fortezza', stessa cosa per il parcheggio dei veicoli autorizzati dalla prefettura.

Il recupero di Palazzo Serristori, resort fiorentino

Aprile Appartamenti in pronta consegna per maggio. Un nuovo resort fiorentino che riguarda l'architettura di pregio del Cinquecento: il palazzo di Lorenzo Serristori. Ovviamente quello che rimane di questa ricercata architettura del Cinquecento che dominava la sponda verso la Torre San Niccolò. Le trasformazioni imperiose di fine secolo XIX hanno profondamente alterato il nucleo originario con una nuova facciata e spostato il baricentro verso il nuovo Viale, poi le trasformazioni contemporanee. Un Palazzo imponente che fu intimamente legato alla Pescaia e al fiume Arno con precise relazioni con l'altra parte della città.

Lo 'spezzatino' della brunelleschiana Villa di Rusciano

Maggio-Nov. La 'villa umanistica' di Rusciano a Gavinana, del Quattrocento fiorentino, di attribuzione brunelleschiana, è in vendita da parte del Comune di Firenze all'interno del piano alienazioni della giunta Renzi, con l'intenzione di frazionarla e cederla a privati con uso turistico-ricettivo. Una destinazione d'uso e un operazione progettuale notoriamente non compatibili con il carattere storico-artistico dell'edificio. I cittadini del Quartiere 3 stanno manifestando un forte dissenso verso la vendita le scelte dell'amministrazione comunale. L'immobile va escluso dalle alienazioni per una strategia di recupero e valorizzazione completamente diversa.

Il "taccuino romano" di Giuliano da Sangallo diventa un albergo a cinque stelle

Marzo La recente vendita di palazzo Scala della Gherardesca in Borgo Pinti da parte della Società di Metallurgia Italiana (SMI) ha avviato di fatto un delicato processo di ristrutturazione dell'edificio. Questo autentico capolavoro dell'architettura rinascimentale fiorentina rimasto sempre chiuso al pubblico con il passaggio di proprietà si avvia a trasformarsi in un albergo a cinque stelle. La catena alberghiera internazionale Four Seasons ha in gestione l'edificio ed ha avviato da un paio di anni un complesso progetto di riuso.

Zibaldone
Canto de' Ricci

Fig. 1 - Firenze - Mosaico sulla città - Sacrestia di S. Trinita, Palazzo fortezza, palazzo Bartolini, muro in pietra forte, arme degli Albizzi, SS. Annunziata, portale palazzo di Antonio e Buono Busini, portale Benedetto degli Alberti, Borgo degli Albizzi, crocera Spedale degli Innocenti, schema planimetrico della chasa di Apollonio Lapi - "I suoi capitelli a "foglie d'acqua" sono eseguiti nello stile della cerchia di Michelozzo e possono datarsi tra il 1415 agli anni '50." - H. Saalman.
 
Il degrado diffuso

Fig. 2 - Dehors di Piazza della Repubblica. Nuovi volumi mascherati da allestimenti temporanei in piazza Repubblica. Nella giurisprudenza urbanistica si definiscono escamotage progettuali, che precedono un abuso edilizio. Un soluzione non nuova degli esercizi commerciali. Nell’annosa vicenda, finalmente l’amministrazione riconosce a chi si è messo in regola il diritto di fare musica, come già faceva chi in regola non si è messo”. Il vice sindaco Nardella ha riconoscito le contraddizioni del caso e si è impegnato affinché tutte le attività di piazza della Repubblica abbiano d’ora in poi gli stessi diritti e gli stessi doveri. Sulla bellezza delle strutture si può anche discutere, ma sull’equità di trattamento da parte del Comune per le imprese invece non ci devono essere equivoci”.

'Genius loci'

Fig. 3 - Chianti Shire - Pieve S. Giovanni Battista a Castello. "Pieve a Castello con Abbadia a Isola formava uno dei due poli religiosi intorno a Monteriggioni (SI) appartenenti alla diocesi di Volterra. La specifica posizione geografica del sito della Pieve ha origine all'interno del percorso della via francigena. La pieve è composta da una chiesa con pianta basilicale a tre navate, successivamente trasformate e profondamente modificate per esigenze legate al riuso -, tre absidi a tutto sesto ( di cui una è scomparsa ) -, un battistero a pianta ottagonale attaccato alla ex navata sinistra, alla quale si accedeva tramite un arco ogivale ancora esistente ed in buono stato di conservazione...(.)"

Osservatorio

Fig. 4 - Palazzo dei fratelli Busini poi Bardi. La famiglia Busini di chiara fama nella Firenze repubblicana aveva dato due suoi discendenti al Gonfalonierato di Giustizia e aveva ricoperto per ben 28 volta carica all'interno del Priorato. Di grandi ricchezze e proprietà immobiliari, i Busini disegnavano attraverso le loro cariche nello scorcio del sec. XV una delle influenti famiglie mercantili al pari dei Da Uzzano e degli stessi Bardi, e partecipavano alla rappresentazione della propria arme con tutte le forme della cultura rinascimentale e mercantile.

Fig. 5 - Rotonda della SS. Annunziata veduta planimetrica dell'isolato tra via Gino Capponi e via G.La Pira. Il 18 ottobre 1444 fu posta la prima pietra della tribuna. Progettista e direttore dei lavori fu Michelozzo di Bartolommeo. I lavori durarono fino al 1453 e ripresero nel [[1460] sotto la direzione di Antonio Manetti. A seguito di problemi finanziari, i frati offrirono il patronato della fabbrica a Lodovico III Gonzaga, duca di Mantova. Nel 1477 la tribuna fu inaugurata.

Fig. 6 - Palazzo di Cosimo de Medici. La pietra forte in un cattivo stato di conservazione nonostante l'istituzione della nuova isola pedonale con la lastricatura di via Cavour. L'arenaria è coperta di croste nere per i residui carboniosi del traffico urbano. La situazione dell'edificio e di tutta l'area intorno ad esso, di inestimabile valore storico ed artistico, è il risultato di 40 anni di politica urbanistica dedicata alla convivenza con i veicoli a motore. L'alto valore monumentale della zona non è ancora stato riconosciuto ne esiste un piano di recupero da parte dalla pubblica amministrazione.

Febbraio 2012 - le proprietà dei Vespucci agli inglesi L'Ospedale S. Giovanni di Dio in Borgo Ognissanti, passa ai privati, come annunciato da tempo. Stiamo parlando del capitolo alienazioni del patrimonio immobiliare sanitario. I pezzi più pregiati del listino: in primis l'Ospedale San Giovanni di Dio (già venduto), parti consistenti del complesso ex psichiatrico di San Salvi, gli ex sanatori Banti e Luzzi, tutti brani importanti di città passati al mercato immobiliare con la stessa logica di vendita della patrimonio spa: alienare, monetizzare, vendere immobili senza criteri di selezione per gli edifici di pregio storico. Fare cassa è lo scenario di Comuni ed enti a partecipazione pubblica.

Il palazzo di Matteo Scolari, il cambio di destinazione d'uso. Borgo degli Albizi, Palazzo Tornaquinci della Stufa, attribuito da Brenda Preyer a Matteo Scolari finanziatore della Rotonda di S. Maria degli Angeli, è in ristrutturazione con il cambio di destinazione d'uso da cinema (Ex Corso) a nuovi appartamenti. Il "palazzo fortezza" a tre porte in via de' Giraldi, angolo Borgo degli Albizi, conserva al piano terra parte del prezioso cortile con colonne ottagonali in pietra forte e capitelli pseudocorinzi. Un'architettura di prima grandezza del proto rinascimento fiorentino, databile dal 1380 ai primi del Quattrocento, risulta insieme al palazzo degli Alessandri uno dei primi edifici privati a tre porte del sec. XIV.

Gennaio 2008 - Palazzo Tornabuoni - Residence extra lusso. La sede storica della Banca Commerciale Italiana avrà una nuova destinazione d'uso: 36 lussuosi appartamenti nel cuore del centro storico secondo il progetto di Fingen e Kitebrok. Al piano terra è prevista una galleria con con boutique di Bulgari e Bottega Veneta. L'edificio progettato da Michelozzo alla metà del XV per i Tornabuoni ai primi del Seicento pervenne alla famiglia Corsi. Il marchese Jacopo Corsi, che amava la musica, vi riunì la prima "Accademia di Musica" di Firenze. Successivamente, durante l'allargamento di via Tornabuoni, (1857-67) l'architetto Telemaco Buonaiuti tagliò via una considerevole fetta del palazzo michelozziano progettando un nuovissimo fronte in stile Neoquattrocento. La Loggetta Tornaquinci fu quindi spostata sul lato opposto del palazzo dove si trova tuttora.

Marzo 2008: dossier sul palazzo di Apollonio Lapi, tra il Canto de' Ricci e via del Corso. La scelta dei progettisti è stata quella di integrare con un arredamento funzionale alle esigenze commerciali uno spazio storicamente rilevante, creato sulle basi dell’antica chiesa di San Bartolomeo, eretta nell’Xl secolo e ridotta ad uso secolare nel 1768, o il Palazzo di Apollonio Lapi in via del Corso, del quale sono ancora visibili due colonne ottagonali con capitello a foglie d’acqua, databili tra il 1415 e il 1450.

Il restauro non conservativo di palazzo Busini-Bardi. Un intervento molto discutibile il risultato del restauro del palazzo di attribuzione brunelleschiana che affaccia su via de' Benci. Il palazzo di proprietà della Bardi Srl è oggetto di una radicale ristrutturazione finalizzata a ricavare ben ventuno appartamenti privati attorno allo splendido cortile rinascimentale. All'edificio storico, di valore riconosciuto da generazioni di studiosi, viene riservata la sorte di una palazzina residenziale con una prassi di riuso dettata dalle esigente del privato.

Novembre 2007 - la rivincita di Isozaki. la loggia sarà così come la vediamo nelle foto. Stesse proporzioni, illuminazione, altezza e disegno del progetto originario del 1998. Il progetto esecutivo è stato consegnato alla soprintendenza ai monumenti di Palazzo Pitti. 90 giorni di tempo per la Soprintendente Paola Grifoni, poi partiranno i lavori. Restano identici anche i materiali: la loggia sarà in acciaio rivestito di pietra serena extradura. Stessi materiali per le travi che conterranno lunghe liste di vetro per assicurare leggerezza e trasparenza alla parte superiore.

partners sulla conservazione
© 1999-2003 Limen A.P.S - Via F. Marucelli 9 - Firenze (FI) - Tutti i diritti riservati
Contattaci - Disclaimer - Pubblicità
Assessorato alla partecipazione democratica consumo critico e nuovi stili di vita del Comune di Firenze