Limen Italia - Terzo settore - cultural heritage Int.
ENG - ITA...........
Cerca in Limen
 
Archivi
Report 02-10
Stages
Proponi stage
Parlano di noi
Sostieni
Selbourne Urb.
Archivio
Crowd funding
Civic C.F.
Progetti 2022
Archivio
Ultime recensioni
Ed. Ambientale
PPercorsi Integrati
PParco Naz. Cilento
Percorsi 09
Multimedia
Video D. Bramante
Dvd S.Miniato
Michelangelo Boni
Percorsi 09
Quaderni Limen
Landscape (PI)
Taccuino romano
Donato Bramante
Percorsi 09
info@limen.org
'Taccuino'

 

Parliamo di nuove attribuzioni? le opere giovanili di un pittore prospettivo

Cagli (PU) Perché Bramante non va mai in televisione? ve lo siete mai chiesto? mai un servizio in decine di anni sui media nazionali Perché? c'è un motivo ben preciso che siamo tenuti a prendere in considerazione. Per la politica italiana non ci sono più fondi per la cultura mentre il PNRR finanzia nuovi metricubi. L'unica risorsa attualmente praticabile sono le sponsorizzazioni private. Per la politica italiana Bramante non ha nessuna visibilità ne valore internazionale. Le iniziative sono praticamente rimaste ferme agli anni '70.

'Firenze meretrice', la frase che guarda al futuro

Firenze La città dei Fiori "schiacciata dal turismo è diventata una meretrice'.La frase della direttrice dell'Accademia e la proposta di Tomaso Montanari che ha gettato la maschera e si candida in politica sulla scorta della nuova vsibilità televisiva. Il rettore dell'Università per stranieri di Siena non si candida a sindaco ma forma un'associazione dal nome «11 agosto», Proponiamo una sintesi della riflessione politica svolta da Firenze C.A. in questa fase di avvicinamento alle elezioni comunali 2024. Prendiamolo come modo pedagogico di lavorare, in un paese dove se non vai in televisione non esisti neppure. Il patrimonio culturale non gode certo di ottima salute nel bel paese;. "l'italia spende poco e male per la Tutela, la Storia dell'Arte non si insegna nelle scuole mentre il 'Supermercato Italia' rende tantissimo all'estero per le vendite dei beni culturali.

Dopo il (discusso) restauro riapre palazzo dei Diamanti

Ferrara (FE) Dopo anni di difficile dialogo per gli esiti del progetto anche con il mentore Vittorio Sgarbi è finito il restauro e la riqualificazione di Palazzo dei Diamanti. L'edificio, commissionato per Sigismondo I d'Este al centro dell’Addizione Erculea, riapre le porte con una mostra dedicata a due grandi maestri ferraresi del Rinascimento, Ercole de’ Roberti e Lorenzo Costa fino al 19 giugno 2023. A Cura di V. Sgarbi e Michele Danieli, l'esposizione è ricca di oltre cento opere provenienti da musei e collezioni di tutto il mondo,.

Cultural heritage network 'educare INSIEME'

Ferrera (FE) Laboratori di cittadinanza attiva per il potenziamento dell'offerta artistico culturale nelle zone periferiche e disagiate. Per il bando 'educare insieme' del Ministero della famiglia; si tratta dell'insieme degli attori territoriali opera per garantire il benessere e la crescita degli under 18 nelle città di: Roma, Ferrara, Cento, Firenze S. Miniato. “Contestualizzazione dell’opera d’arte e ricostruzione laboratoriale”: il progetto 3.0, si propone di promuovere azioni di cittadinanza attiva attraverso la rete associativa del territorio, che diviene ' comunità educante' degli attori territoriali. L’idea di fondo rimane quella di trasferire la scala dell’Ecomuseo nel rapporto con la città.

Zibaldone | 2023

 

 

 

 

 

.

 

|Torna all'inizio | Archivio |

 

 

 

.

"CLLD" Comunitiy Led Local Development. (Architettura delle città, Cultural Heritage international); uno spazio dedicato all'analisi della visibilità del patrimonio storico: un archivio aperto sulle condizioni dei beni culturali culturali realizzato con lo strumento del Circoli di Studio, Factory site specific, laboratori di ricerca fatti da architetti, studiosi, cittadini e amministratori. Documentare i 'beni culturali' con la cura di leggerne lo stato di conservazione e visibilità attraverso il web. Il percorso nasce come istanza di cittadinanza attiva all'interno del Terzo Settore.

Mostra itinerante, ipotesi di recupero. Esiste una sola mostra itinerante realizzata nel Dopoguerra su 'donnino', non ne esite un'altra: fu realizzata nel 1970 in occasione del Congresso internazionale di studi bramanteschi Milano-Roma. La segnalazione riguarda il fondo per progetti editoriali di "particolare interesse regionale", bando 2020. Una ‘quotazione’ alternativa e inusuale fatta dai valutatori di cui mettere a conoscenza gli stakeholders. Premesso che il ‘museo Donato Bramante’ non esiste ancora in Italia, nemmeno la casa della famiglia Bramante nel centro storico di Fermignano non risulta musealizzata...

Erkelarungen sul museo dei palazzi fiorentini. La grande officina dei cortili fiorentini: in un altro paese d'Europa farebbe parte di un grande progetto di 'museo diffuso', mentre la città dei fiori non ha ancora avviato un programma di musealizzazione. Si tratta di spazi monumentali di grande valore storico culturale. Per il capoluogo toscano il tema presenta delle caratteristiche di unicità ed eccellenza, cosi come le città toscane erano uniche nello scenario europeo alto medievale. La repubblica di Firenze avviò un programma coordinato di di 'bellezza urbana', con il grande certame dei cantieri privati delle borghesia mercantile. Da quei capitali originarono i più ricercati palazzi privati dell'Europa occidentale. La scuola fiorentina realizzò le forme e soluzioni più aggiornate dell'architettura di allora. In questo terreno scaturirono la genialità delle opere giovanili brunelleschiane.

15 anni di privatizzazioni dei bb.cc. italiani. Dopo la presentazione Maggio 2011 Stanford (USA) Roland Benedikter della Stanford University intervista Salvatore Settis, Scuola Normale Superiore di Pisa: "la dimensione reale del processo di privatizzazione del patrimonio culturale non è visibile per il pubblico e la comunità internazionale". dopo quindici anni di privatizzazione del patrimonio culturale e architettonico italiano tra il 1996 e il 2010, stiamo ancora lottando per proseguire la nostra strada verso una valutazione dei risultati, carenze, sfondi e prospettive. Un working paper pubblicato sul sito della Standford University con un intervista esclusiva a Salvatore Settis direttore della Scuola Normale di Pisa. Un bilancio che parte dagli anni '90 con il centro-sinistra e compendia le scelte del governi italiani negli ultimi 15 anni con lo smantellamento dei beni demaniali fino a ipotizzare lo scenario del futuro e del nuovo millenni

| r i c e r c a | e | p r o g e t t i | i n | a r c h i t e t t u r

 

 

l- p a l l a d i a n i s m - w a s - a n a p p r o a c h - t o - a r c h i t e c t u r e - i n f l u e n c e d - b y
         
         
Firenze meretrice (..)
 
         
- a r c h i t e c t - a n d r e a - p a l l a d i o - s i x t e e n ' - c e n t u r y - c l a s s i c a l - f o r m s '
         
         
         

       

c o n s e r v a t i o n - p a r t n e r s
ę 1999-2003 Limen - LBC - A.C.- Via F. Marucelli 9 - Firenze (FI) - Some rights reserved
Contattaci - Disclaimer - PubblicitÓ
Assessorato alla partecipazione democratica consumo critico e nuovi stili di vita del Comune di Firenze